I costar di Olivia Munn l’hanno evitata, salvata sulla stampa piuttosto che discutere di reati sessuali

Olivia Munn ha scoperto poco prima che il suo film, The Predator, fosse presentato in anteprima al TIFF che il regista aveva ingaggiato un condannato per reati sessuali per lavorare con lei. Olivia ha avuto una singola scena con l'uomo, che ha scontato sei mesi di prigione per contatti inappropriati e in cerca di una relazione sessuale con una ragazza di 14 anni. Quando Olivia ha scoperto […]

Precedente Lady Gaga in Armani alla premiere di TIFF 'A Star Is Born': vedova-chic o noiosa? Successivo The Rock Shares I primi dietro le quinte guardano allo spinoff 'Fast And Furious'