Il direttore della fotografia ‘Game of Thrones’: ‘GoT’ non è troppo buio, le persone hanno bisogno di sintonizzare i propri televisori

gotnight

Ho una grande TV a schermo piatto nel mio salotto. L'ho avuto per anni. Ogni volta che siamo in un ciclo di Game of Thrones, faccio la stessa cosa ogni domenica sera – spengo tutte le luci di casa mia e chiudo le tende in modo che non ci sia alcuna luce ambientale proveniente dall'esterno. Guardo lo spettacolo in completa oscurità, perché è più divertente in questo modo e più coinvolgente, e so che lo spettacolo è buio. Anche se facevo tutto questo, non riuscivo ancora a vedere molto di quello che è successo nell'episodio 8,3, "The Long Night". L'ho capito, è di notte. Ho capito, il Re della Notte ha fatto un uragano di neve. Ho capito, è "realistico" per le fonti di luce medievali. Ma HBO ha speso milioni di dollari per questo episodio e ha chiesto al cast di passare ogni notte per due mesi a fare questo episodio, e la maggior parte della gente non ha potuto vedere niente. Questo è un problema di Game of Thrones, non un problema di fan. Ma il direttore della fotografia GoT dice no, è un problema con i televisori dei fan. Cagna, per favore

Il cineasta di "Game of Thrones", Fabian Wagner, non si scusa presto per l'episodio scarsamente illuminato della domenica sera. I fan sono stati particolarmente entusiasti dell'episodio dell'ultimo episodio dello show durante il fine settimana, ma molti sono rimasti delusi quando più scene erano troppo scure per i telespettatori per far emergere la tanto attesa Battle of Winterfell. Dopo aver ricevuto critiche significative per la sua scarsa illuminazione, Wagner ha difeso le scelte artistiche che ha fatto per le macabre scene di battaglia.

In un'intervista con Wired al fianco del regista episodio Miguel Sapochnik, Wagner ha messo la colpa lontano dal team di produzione sui dispositivi domestici degli spettatori, che secondo lui non sono adatti per le riprese cinematografiche dello show.

"Gran parte del problema è che molte persone non sanno come regolare i propri televisori correttamente", ha affermato. "Molte persone purtroppo lo guardano anche su piccoli iPad, cosa che in nessun modo può rendere giustizia a uno spettacolo del genere comunque." Ha continuato, "Personalmente non devo vedere sempre cosa sta succedendo perché si tratta più dell'emotività impatto … 'Game of Thrones' è uno spettacolo cinematografico e quindi devi guardarlo come se fossi al cinema: in una stanza buia. Se guardi una scena notturna in una stanza molto illuminata, questo non ti aiuterà a vedere l'immagine correttamente. "

Wagner ha anche notato lo spostamento di tono in tutta la serie, con ogni stagione che diventa più oscura e temi cupi. "Gli showrunner hanno deciso che questo doveva essere un episodio oscuro", ha detto Wagner. "Abbiamo visto così tante scene di battaglia nel corso degli anni – per renderlo davvero di impatto e per prendersi cura dei personaggi, devi trovare un modo unico di ritrarre la storia".

Wagner ha spiegato che gran parte dell'oscurità potrebbe essere dovuta agli scatti notturni dell'episodio rispetto alle scene più chiare che sono state girate sul set. Anche così, tiene le sue scelte. "Tutto quello che volevamo che la gente vedesse è lì", ha detto.

[Dalla varietà]

Sì, c'erano episodi oscuri prima e episodi in cui non riuscivo a vedere * tutto * ma "The Long Night" era il peggiore. È stata una scelta tra regista e direttore della fotografia, e hanno fatto la scelta sbagliata. Non è un problema con la mia TV o i televisori appartenenti a milioni di fan dei GoT. È un problema di GoT ed è amatoriale dall'inizio alla fine. La buona notizia, forse, è che gli ultimi tre episodi avranno molta azione in Kings Landing, e di solito è meglio per quanto riguarda la luce.

Beric

gotwinter

Foto per gentile concessione di HBO / Game of Thrones.

Beric
gotnight
gotwinter
mel got

Commenta su Facebook
Precedente Halima Aden è il primo modello di costume da bagno illustrato che indossa un burkini e un hijab Successivo Hot Slut del giorno!

Rispondi