Il “Libro verde” è davvero un film problematico sulla razza?

Angelina Jolie esce da "Fighting Stigma Through Film Festival" a Londra

Quando ho sentito per la prima volta di Green Book, ho davvero pensato a me stesso: "Oh, scommetto che ci saranno molti Oscar, perché è il genere di film palese sulla razza e il razzismo che Hollywood ama raccontare." È storico (ambientato nel all'inizio degli anni '60), è vagamente basato su una storia vera (il dottor Don Shirley e il suo autista), e vede protagonisti due dei migliori attori delle loro generazioni, Mahershala Ali (vincitrice di un Oscar) e Viggo Mortensen (candidato all'Oscar) . Parla di tizi e razzismo e sembrava vagamente reminiscente di guidare Miss Daisy. Il Green Book ha fatto il giro di numerosi festival e critici cinematografici, e alcuni festival hanno addirittura ricevuto dei premi. Green Book ha ottenuto un ampio rilascio (in seguito a una versione limitata) lo scorso fine settimana. E non è andato da nessuna parte durante il lungo weekend di vacanza. Il che ha indotto Vulture a chiedersi se il pubblico americano abbia superato il semplicistico e trumpiano Both-Sidesism della politica razziale di Hollywood. Dall'avvoltoio:

Per capire perché [il film bombardato], è necessario dare un'occhiata più da vicino al razzismo strategico e ponderato del Libro verde – un approccio "tutti abbiamo qualcosa da imparare" che, sulla carta, potrebbe segnare sia una reazione al polarizzazione dell'era di Trump e un sintomo di entrambi i lati che spesso lo definisce. Tony è un duro uomo di famiglia italiano che lavora per un lavoro alla guida di Don Shirley attraverso il sud. Potrebbe essere una configurazione ragionevole attraverso cui esplorare alcuni dei, come si chiama di nuovo, "ansietà" che molti bianchi provavano quando Obama fu eletto, tranne che il film impilava il mazzo contro Don fin dalla prima volta che lo incontriamo. Freddo, distaccato e così raffinato che vive letteralmente sopra la Carnegie Hall, Don dirige il colloquio di lavoro di Tony in abiti dorati, seduto su una sedia a forma di trono su una piattaforma rialzata.

Un altro film avrebbe potuto esplorare l'hauteur in costume di Don dall'interno, comprenderlo come una difesa, un calcolo, persino una performance. (Il vero Shirley era anche uno psicologo, un fatto su cui il Libro Verde non esprime praticamente alcun interesse.) Ma questo film usa la sua lontananza geometricamente; è un punto su un triangolo, esattamente il più lontano dall'apice che rappresenta un ideale caldo e umano come l'altro punto – la volgarità non rigenerata di Tony e il franco razzismo – è.

Il Libro verde a volte sembra meno immaginato che misurato con un goniometro …. Tony ha bisogno di allargare i suoi orizzonti e imparare a scrivere a sua moglie una bella lettera (finisce con il dettato, stile Cyrano, da Don, che naturalmente non ha nessuno a cui scrivere simpatiche lettere), ma anche Don ha bisogno di imparare a fruire di fritto pollo e Aretha Franklin e stare più a suo agio nella sua pelle. Tony ha bisogno di crescere (perché il razzismo è, nei film come il Green Book, soprattutto un segno di immaturità), ma anche Don ha bisogno di rilassarsi; è così ristretto che possiede un set di scacchi con solo pezzi bianchi! Tony ha bisogno di diventare un po 'più intelligente, ma anche Don è troppo intelligente, come lo era Obama. "Non sembra divertente essere così intelligente," Tony – così non raffinato ma così attento alle verità più profonde! – scrive a casa. (Don non aveva bisogno di aiutarlo con quella frase.)

Il Green Book è un film ma anche un film, entrambi i lati, e in questo, si estende una tradizione di oltre 50 anni di film che raccontano una storia di razzismo americano che è sempre stato irresistibilmente attraente, in e fuori dallo schermo, a quella porzione di americani bianchi che si considerano mediatori. Sono persone ragionevoli, non razziste, in bilico tra i razzisti impenitenti e ineducibili da una parte e, dall'altra, i neri che, in questa versione della narrativa americana, hanno quasi sempre qualcosa da imparare da soli.

[Dal Vulture]

L'analisi di Vulture mi ha reso felice di aver scelto di vedere le vedove piuttosto che il libro verde. Vale anche la pena notare che Viggo ha completamente distrutto la promozione proprio quando le persone hanno iniziato a prestare attenzione – è stato Viggo a ritenere di avere il diritto di abbandonare l'n-word nel bel mezzo di una sessione di domande e risposte, e credo davvero che l'incidente sia stato il primo il tempo in cui il pubblico ha sentito parlare del Libro verde. Tuttavia, il calcolo del Libro Verde è come osserva Vulture – che il carattere bianco razzista e vigoroso di Viggo è quello che è "umanizzato" e la storia è raccontata attraverso i suoi occhi, come se fosse l'eroe. Ed ecco qualcosa che è successo proprio mentre stavo scrivendo: il National Board of Review ha premiato VIGGO come miglior attore e l'NBR ha anche nominato Green Book come miglior film. Quindi … anche se il film è problematico, e anche se la famiglia di Don Shirley non vuole saperne di più (più su questo in un momento), l'associazione più influente dei critici cinematografici sta ancora dando a Viggo il premio come miglior attore e il loro massimo onore per miglior film. Ugh.

Per quanto riguarda la famiglia di Don Shirley che odia il film – è vero . Hanno parlato la scorsa settimana, dicendo che il film è una "rappresentazione della versione di un uomo bianco della vita di un uomo nero" e che il film è pieno di "bugie" e "distorsioni". Non vedere questo film.

Angelina Jolie esce da "Fighting Stigma Through Film Festival" a Londra

Foto per gentile concessione di "Libro verde" e Backgrid.
Viggo Mortensen indossa Dior Men al 22 ° Annual Hollywood Film Awards
Angelina Jolie esce da "Fighting Stigma Through Film Festival" a Londra
Angelina Jolie esce da "Fighting Stigma Through Film Festival" a Londra

( Fonte )

Commenta su Facebook
Precedente Lady Gaga e Bradley Cooper hanno ricevuto due importanti premi del National Board of Review Successivo "Il repubblicano razzista Cindy Hyde-Smith ha vinto le elezioni speciali nel Mississippi"

Rispondi