Il regista di “The Raid” Gareth Evans sulle arti marziali e il gore estremo nell’Apostolo di Netflix

Fantastico Fest / Netflix

Ok, per prima cosa, perché so che lo dimenticherai: Gareth Edwards è il ragazzo che ha diretto Monster, Godzilla e Rogue One: Star Wars Story . Gareth Evans è il ragazzo che ha diretto i film di The Raid . Sono entrambi del Galles e solo a cinque anni di distanza. C'è anche Gareth Thomas , un giocatore di rugby gay che Mickey Rourke avrebbe dovuto recitare in un film a un certo punto, e altri due giocatori di rugby di nome Gareth Evans, uno più anziano gallese e uno più giovane neozelandese . In caso di dubbio, ricorda questo classico dispositivo mnemonico: tutti, dal Galles, si chiamano Gareth.

Ora quindi. I Gareth Evans in questione divennero noti per la prima volta al mondo del cinema per dirigere la star dell'ora Iko Uwais nei film d'azione indonesiani Merentau e The Raid , che rinvigorirono l'intero genere d'azione con la loro furiosa azione a siluro . È una cosa strana da considerare quando guardi Evans, che è molto chiaramente un allegro gallese e non un ragazzo di arti marziali indonesiane.

È venuto fuori che Evans era andato in Indonesia per girare un documentario sulle arti marziali, dove ha incontrato Uwais, che all'epoca lavorava come autista per una compagnia di telecomunicazioni. Evans pensava di poter trasformare gli Uwais in una star del cinema, e si è rivelato più giusto di quanto la maggior parte di noi potesse sperare di essere anche solo una volta nella vita.

Con quel tipo di track record, la cosa facile per Evans sarebbe prendere il suo posto come padrino del film d'azione moderno. Invece, è apparso al Fantastic Fest di Austin con una specie di genere orrendo a cavallo di genere.

L'apostolo vede Dan Stevens di Downton Abbey come un uomo che cerca di salvare sua sorella da un culto religioso che vive su un'isola isolata nell'era edoardiana – con elementi soprannaturali. Con The Wicker Man come un'influenza ovvia, Apostle (che debutterà il 12 ottobre su Neflix) è radicata, mistica e bella, ma anche fortemente soprannaturale e vertiginosa.

Che è un'altra delle apparenti contraddizioni di Evans: quando abbiamo parlato con lui al festival, sembrava estremamente accomodante per un ragazzo che ha realizzato un film pieno di torture sadiche.

Quindi, forse inizierò semplicemente dall'inizio. Dimmi come ti sei innamorato originariamente di Iko Uwais e di come tutto ciò sia avvenuto.

Quindi, Iko, io … Dio. Stava andando molto indietro adesso. L'ho incontrato nel 2007 quando ho girato un documentario sulle arti marziali in Indonesia. E ci siamo incontrati lì. E, questa era la prima cosa in cui, inizialmente, sapevo che aveva un certo carisma in lui. Lo ha appena trasudato naturalmente. E quindi, sì, abbiamo fatto il documentario. Sono venuto via pensando di voler fare film in Indonesia. Mia moglie era indonesiana, quindi ci siamo trasferiti là fuori. E poi, prima che lo sapessimo, gli stavamo chiedendo: "Ehi. Vuoi diventare una star d'azione di arti marziali? "E, sì, è l'inizio dell'avventura.

Sembrava funzionare per lui.

Così tanto. Si si.

Quindi, non vivevi lì quando sei andato a filmare il documentario?

No, originariamente vivevo nel Regno Unito, e poi ho viaggiato là fuori per il documentario. Abbiamo trascorso sei o sette mesi là fuori. E poi, siamo tornati nel Regno Unito letteralmente per circa tre mesi solo per fare le valigie e partire, e poi eravamo come … avevamo già deciso di perseguire un po 'la vita. Quindi, eravamo là fuori per otto anni.

Quindi questo film è il tuo modo di dire "Ehi, posso fare di più dei film di arti marziali?"

Si. Un po 'di quello. Non in un certo senso, è solo una dichiarazione completa, ma è solo più di quello che sono cresciuto guardando tutti i tipi di film diversi, ed è stato davvero il sottoprodotto di me che sono stato in Indonesia a significare che ho fatto quelle marziali film d'azione artistica. Sono incredibilmente fortunato e benedetto che questo è ciò che è venuto a me e questa è stata un'opportunità che si è presentata. Ho sempre voluto fare diversi tipi di film. Sai cosa intendo? Mi sono appena trovato in una situazione in cui ero conosciuto come l'uomo d'azione.

E così, abbiamo fatto … Ho fatto un cortometraggio con Timo Tjahjanto, che ha in serbo il suo film d'azione qui, in realtà, il che è incredibile. Abbiamo fatto un cortometraggio intitolato Safe Haven per V / H / S / 2 . E quindi, quella era una situazione in cui c'era un gusto per questo. C'è stata l'opportunità di provare qualcosa nel genere horror. Ci sono alcune somiglianze con lo stile e certe qualità estetiche che portano dal film d'azione all'horror. Quindi, ho pensato che volevo esplorarlo di più, e poi raccontarlo quasi come un film horror popolare britannico, e poter giocare nel mio giardino, per così dire, e girare in luoghi che conosco da anni come un bambino che cresce.

Qual era quella posizione?

Era un posto chiamato Margam Park . È come un parco nazionale. Hanno bellissimi giardini del castello nelle vicinanze, e poi hanno molte aree naturali. E poi, hanno questa cosa come le cime degli alberi. E poi, accanto al punto di scalata delle cime degli alberi per bambini c'era il nostro villaggio. Quindi, abbiamo costruito il nostro villaggio in questa percezione del paesaggio.

Dov'è in termini geografici?

Geograficamente, è una specie di … Nel Galles del Sud, abbiamo Swansea e Cardiff sono le nostre due città principali, ed è nel mezzo tra lì. Da qualche parte tra Port Talbot e Bridgend. Quindi, sì.

E poi, in termini di storia, dovremmo immaginare che sia come un'isola al largo della Scozia?

Da qualche parte al largo di … da qualche parte nel Regno Unito. Ma si. È come se non fosse troppo lontano, ma è abbastanza decente viaggiare dove devi andare in barca per arrivarci.

Quindi, suppongo che Wicker Man sia stata una delle influenze?

Decisamente. 100%. Voglio dire, Wicker Man è stato sicuramente una delle influenze. Quindi era il Witchfinder General . E poi, The Devils , il film di Ken Russell. Quei film erano una tale chiave. Erano tali momenti chiave nell'horror popolare britannico come genere. Ma poi, anche, guardando una serie di cose più moderne come i film di Ben Wheatley come Kill List e A Field in England . Quei film erano così forti in termini di tono e atmosfera, e riprendono lo stile cinematografico. Quindi, quando mi stavo preparando per farlo, tornavo indietro e guardavo quei film, e provavo a capire davvero l'aspetto e il feeling di quei film, e perché mi facevano sentire come loro. Di cosa si trattava dell'estetica, di cosa si trattava della performance, di cosa si trattasse del mondo che mi ha fatto sentire, "Questo è diverso dagli altri film dell'orrore".

C'è solo qualcosa di storto nel loro approccio, e questo per me è più spaventoso dei demoni, dei fantasmi e delle creature. È l'idea di "No. Sono solo persone vere, ma hanno una capacità di violenza ".

Quindi diventa abbastanza cruento alla fine lì. Quali sono le tue influenze in termini di sangue freddo? Pensi che la tua esperienza cinematografica indonesiana abbia influenzato questo?

Si. Voglio dire, un po ', senza dubbio. Grande fan di Clive Barker. Quindi, ci sono alcune sfumature di questo all'interno di questo film. Ma, penso, quando parlo di qualcosa come il pagano, per esempio [una tortura in atto in Apostle], la scena con il tavolo, più che altro, "ti mostrerò come funziona quella macchina. Ti mostrerò come trasformare questa maniglia in un colpo lo fa accadere, girando questa maniglia lo fa accadere. "Ma, quando si arriva al vero atto di ciò, sto andando a ridurre le reazioni degli altri. Ho intenzione di stare lontano dai dettagli di esso. Ho intenzione di mettere tutto in testa. E, immaginerete molto peggio di qualsiasi cosa io possa mai mostrare in termini di protesi o di un effetto del sangue.

Sembra strano dirlo, ma una sequenza del genere è destinata a ferire, non è pensata per essere una specie di viscerale e divertente nel modo in cui The Raid è stato un tipo di azione divertente. Dovrebbe sentirsi angosciante. Ecco quando c'è una certa dose di strano, e io uso questo termine con molta attenzione, ma un senso di moderazione, perché non ho intenzione di darti tutti i dettagli su questo. E poi, quando si tratta di altre cose, come più del genere di horror, di battiti di azione, come con il tavolo da manghi e roba, va bene, perché si tratta più dell'avventura. È più sull'aspetto thriller di esso. Ed è qui che possiamo avere un po 'di più tipo … non è giocosità, ma è un po' più divertente e viscerale e noi allunghiamo un po 'di più i confini con ciò che puoi effettivamente mostrare sulla fotocamera.

Destra. Voglio dire, stavo per chiedere informazioni. Ci sono volte in cui sembra che debba essere un tipo divertente di sangue freddo, e ci sono altre volte in cui sembra che sia destinato a essere un tipo inquietante di sangue. Qual è la filosofia dietro a questo?

Bene, è tutto sul tono della scena. È chi è il destinatario, qual è l'intenzione, di cosa stiamo parlando, cosa stiamo parlando dell'evoluzione della trama o del mondo della storia? La filosofia del design cambierà di conseguenza. Quindi, è come quello che stavo dicendo prima. È come quello con la posizione pagana che parla dell'uomo che usurpa il potere da una comunità. È l'introduzione del dominio militaristico. Quello nella stanza del mangle parla di un tizio che cerca di sopravvivere a una situazione. E così, naturalmente, suoneranno in modo molto diverso, e avranno toni diversi.

Da dove viene il banco dei pagani. Era il tuo progetto o l'avevi visto da qualche parte?

La posizione pagana derivava da una specie di, in tutti i film horror popolari britannici di cui abbiamo parlato prima, di solito c'è una parte importante di cui si parla. Nel generale Witchfinder , è il rogo delle streghe. In The Wicker Man , ovviamente, è il culmine. In The Devils , ce ne sono molti. Per quanto mi riguarda, ho voluto avere un momento che mi è sembrato tipo: "Santo cielo. Questo è il momento in cui il mondo gira. "Dove è, ora diventa brutalmente serio. Quindi, tutti quegli aggeggi e i dispositivi su quel tavolo sembravano appartenere [all'isola], li avrebbero usati. Quindi, quel tavolo si riunisce. Lo vediamo messo insieme, gambe e tavoli, e poi tutto viene avvitato e legato a esso. I vizi sarebbero stati usati per la costruzione delle costruzioni per le case che stavano costruendo. Potrebbero aver bisogno di praticare un foro attraverso il legno per creare una parte della carpenteria, ad esempio. Quindi, tutte queste cose sono elementi naturali, organici che esisterebbero in quell'isola come parte dei loro strumenti, in un certo senso. Quindi, questo è ciò che ha portato a quello.

La parte davvero orribile è che c'è un mondo di differenza tra il disegno in fase di pre-produzione, e poi la consegna ad uno scenografo, ed è tipo, "Puoi costruirmi qualcosa del genere per questa sequenza?" E poi, alzarsi nel giorno delle riprese per vedere il tavolo montato per davvero, sembrare reale così com'è, e poi 50 attori di supporto tutti vestiti con abiti occulti, e poi alzarsi ed essere lì, ed essere come, "Va bene. Lo stiamo girando oggi. "Sai? È una cosa strana. E, c'è una disconnessione. Perché quando sei sul set, è come … non puoi assolutamente avvicinarti a queste cose con una sorta di solennità e serietà, perché stai per creare qualcosa di completamente folle. Devi solo ridere dell'assurdità di quello che stai facendo. È un'esperienza molto bizzarra.

Ha un effetto psicologico di trascorrere un certo periodo di tempo cercando di pensare a metodi di tortura?

Non proprio. Voglio dire, ho fatto delle ricerche, ho letto alcune vecchie forme medievali di pena capitale e torture. Quindi, molto, molto, molto peggio, là fuori. E poi, è così durante la post-produzione e tutto il resto, passi giorni e giorni ad analizzare queste scene. Non è come se una scena venisse messa insieme e poi hai finito. Lo guardi di nuovo. Diventa un processo così tecnico che elimina qualsiasi tipo di effetto psicologico, per così dire, di esso.

Giusto, è solo carne su una macchina rube-Goldberg.

Bene, giusto, e poi, potrei fare una pausa e poi andare a prendere il pranzo, e poi guardare un episodio di Always Sunny a Philadelphia . E poi, all'improvviso, tutto va bene di nuovo nel mondo. Sai cosa intendo?

Quindi, come hai scelto il periodo di tempo? Perché quel periodo di tempo in particolare?

Ciò è stato influenzato dal fatto che stavamo parlando della perdita di fede di Thomas, e quindi del fatto che il viaggio sarebbe stato la sua riscoperta della fede. E così, volevo trovare un periodo di tempo nella storia che sentisse, se fosse un missionario ed era fuori da qualche parte, dove poteva essere che avrebbe subito tale ingiustizia, e poi si sentì come se Dio l'avesse tradito e Dio l'hai lasciato soffrire?

E così, quindi, abbiamo iniziato a cercare cose che erano in quel periodo. Sapevamo che volevamo andare un po 'in epoca vittoriana ed edoardiana, perché era qualcosa di veramente interessante, esteticamente, per me. E poi, sempre di più mentre lo cercavamo, abbiamo ripreso la Peking Boxer Rebellion come un'area della storia e un periodo di tempo che mi sembrava giusto in termini di, se fosse riuscito a fuggire, ed è riuscito a tornare a Londra come un uomo distrutto, poi qualcuno che avrebbe devoluto e scavato nel vizio … Poi, questo ci ha detto, "Va bene. Questa storia inizia intorno al 1905, che è il turno del vittoriano nella Londra edoardiana. "Quindi, questo tipo di cose è venuto da lì.

Amo quel periodo. Comunque, buona fortuna. Grazie mille.

Grazie mille. Saluti.

( Nota: qui sotto c'è una domanda e una risposta a spoiler. Considera te stesso avvisato ) .

Voglio dire, hai un po 'di demone un po', però. Destra?

Bene, tecnicamente. -Ish . Si. Ma non lo farei … E, ancora una volta, siamo stati molto cauti in termini di marketing a non alludere all'esistenza di qualcosa del genere. Ma, per me, è meno un demone e più una dea. E, una dea che è stata offesa, viene schiavizzata da questi umani che sono la vera forza del potere e della violenza sulla comunità. Come, non è la dea. Se mai, lei esiste in un modo che è naturale, che è una sorta di parte del ciclo di vita su quell'isola. E poi, quando questi uomini sono arrivati ​​su quest'isola, l'hanno trovata su di essa, invece di riverirla, la schiavizzano. E quindi, per me, si tratta più del potere dell'uomo di corrompere rispetto a un demone, per così dire.

Vince Mancini è su Twitter .

( Fonte )

Commenta su Facebook
Precedente Open Post: è in corso il matrimonio reale della principessa Eugenia e Jack Brooksbank! Successivo Lena Dunham dice che la cosa più misogina che puoi fare è prendere in giro Lena Dunham

Rispondi