La donna egiziana ottiene 3 anni in prigione per “una scimmia sessualmente molesta”

Alzo sempre gli occhi quando politici e esperti iniziano a parlare di come "l'America è la più grande nazione nella storia dell'universo e in tutti gli universi paralleli ed è persino migliore di qualsiasi nazione immaginaria, anche quella con robot giganti." il tuo rotolo, amico, ci sono paesi migliori. Sei mai stato in Nuova Zelanda? L'intero paese è una spiaggia piena di gente meravigliosa e l'inverno dura per due settimane.

Detto questo, l'America non è nemmeno il paese peggiore. Ad esempio, in Egitto, puoi andare in prigione per molestare sessualmente una scimmia. E questo è esattamente quello che è successo a Basma Ahmed, una venticinquenne che ha fatto alcune barzellette sporche in un negozio di animali, secondo News.com.au.

È stata arrestata ad ottobre dopo che un video di 90 secondi dell'incidente è diventato virale tra i giovani, gli studenti delle scuole e universitari e sui siti di social media, ha riferito Al-Ahram.

Il video mostra Ahmed che ride mentre tocca i genitali di una scimmia in un negozio di animali nella città del delta del Nilo e fa innumerevoli storie sessuali mentre la gente intorno a lei ridacchia.

Apparentemente il principale crimine qui è "incitare all'inganno", quindi non è molestare sessualmente la scimmia che è il problema, sono le barzellette sporche. È fondamentalmente l'egiziana Lenny Bruce.

Non penso che ci dovrebbe essere una pena per molestare sessualmente una scimmia perché le scimmie sono fondamentalmente Harvey Weinstein ma meno pelose, se non mi credi, ecco un video di donne che vengono molestate sessualmente dalle scimmie.

Sì, spaccandoli nella spazzatura non sembra così male in confronto, vero?

La donna post egiziana ottiene 3 anni in prigione per "Molestare sessualmente" una scimmia è apparsa per la prima volta su The Blemish .

( Fonte )

Commenta su Facebook
Precedente Queste cure possono tenerti lontano dalla sbornia di un nuovo anno Successivo Come le celebrità hanno detto addio al 2018

Rispondi