La gamma completa di PlayStation Classic include “Grand Theft Auto” e “Final Fantasy VII”

Sony

È ora il turno di Sony di entrare nella classica gara per console. Con il famoso NES Classic e il Super Nintendo Classic di Nintendo, le versioni in miniatura delle famose console con una lista dei loro migliori giochi, Sony ha seguito l'esempio e rilascerà la PlayStation Classic. È, avete indovinato, una versione in miniatura della PlayStation originale con 20 giochi giocabili dell'era della console.

Sony ha svelato la lista dei giochi disponibili sul classico PlayStation e presenta alcune delle scelte più ovvie come Final Fantasy VII , ma la formazione nel suo insieme potrebbe lasciare alcuni fan in dubbio sulla forza della sua libreria. Ci sono anche due versioni separate della console con i giocatori giapponesi che ottengono un diverso gruppo di giochi .

Ecco le lineup per entrambe le versioni delle console.

Battle Arena Toshinden
Cool Boarders 2
Derby di distruzione
Final Fantasy VII
Grand Theft Auto
Qube intelligente
Salto Flash
Metal Gear Solid
Signor Driller
Oddworld: Abe's Oddysee
Rayman
Resident Evil Director's Cut
Rivelazioni: Persona
Ridge Racer Type 4
Super Puzzle Fighter II Turbo
Filtro a sifone
Tekken 3
Tom Clancy's Rainbow Six
Metallo contorto
Armi selvagge

Classica giapponese per PlayStation.

Arc the Lad
Arc the Lad 2
Core blindato
Battle Arena Toshinden
Devil Dice (aka XI [sai])
Final Fantasy 7
G Darius
Gradius Gaiden
Qube intelligente
Salto Flash
Metal Gear Solid
Signor Driller
Parasite Eve
personaggio
Cattivo ospite
Ridge Racer Type 4
SaGa Frontier
Super Puzzle Fighter 2 Turbo
Tekken 3
Armi selvagge

Le differenze nelle due versioni sono nei tipi di giochi. La versione giapponese presenta più giochi di ruolo e sparatutto in contrasto con la versione più basata sull'azione che altri otterranno. Questo ha senso per un'azienda come Sony che ha basi di giocatori e strategie di marketing molto diverse in Giappone e nel resto del mondo.

Concentriamoci sulla versione che la maggior parte otterrà. I punti salienti sono ovviamente Final Fantasy , Metal Gear Solid , Rayman e Resident Evil . Final Fantasy e Metal Gear erano requisiti totali per mettere su una PlayStation classica. Non includerli sarebbe come se Nintendo lasci fuori Mario. Non succederà. Essendo un grande fan dei giochi di ruolo, è emozionante vedere il primo gioco Persona che si fa strada verso la console classica, ma l'interesse per quel gioco sta andando a variare in base al giocatore. Sono anche piacevolmente sorpreso di vedere Twisted Metal , perché a volte sembra che il franchise sia stato dimenticato nel tempo.

Il resto della lista però non è male, ma semplicemente non presenta i nomi di power star che ha qualcosa di simile a un classico di NES. Persino i fan più accaniti della PlayStation non sbatteranno contro le porte per arrivare al Destruction Derby . È fantastico che Grand Theft Auto sia sulla lista, ma quello che tutti noi conosciamo come Grand Theft Auto oggi è stato il fondamento di GTA III, non la versione top down originale. È un bel cenno a quanto è arrivato il franchise, e probabilmente ci sono molte persone che non l'hanno mai suonato prima, ma non lo definirei esattamente come un classico dell'epoca.

I reclami su ciò che è stato lasciato fuori includono la mancanza di Spyro the Dragon , Crash Bandicoot e Tomb Raider, anche se i primi due hanno senso. Crash ha appena rilasciato un pacchetto di raccolta mentre Spyro è attualmente in procinto di ottenerne uno. L'originale Tomb Raider, tuttavia, è sempre il preferito ed è legittimamente sorprendente non vederlo incluso.

Detto questo, i grandi fan di PlayStation troveranno la console allettante. Wild Arms è fantastico, tutti amano Rainbow Six e Tekken 3 è fantastico. Il godimento può essere avuto in questa console lascia solo molto a desiderare in quello che avrebbe potuto essere.

( Fonte )

Commenta su Facebook
Precedente Demi Moore stava 'girando per un sentiero di autodistruzione ... Non mi sono mai sentito abbastanza bene' Successivo Zoe Kravitz ha ricreato la diffusione di "Rolling Stone" di Lisa Bonet nel 1988

Rispondi