L’orrore-thriller di Edgar Wright ha ora un nome e una stella, Anya Taylor-Joy

Getty Image

Edgar Wright è, come Christopher Nolan e Steven Spielberg, uno dei pochi cineasti di Hollywood che non ha bisogno di franchising per ottenere la stampa – il cui nome da solo può rendere le persone entusiaste, del suo film e di altri . Quindi è stato un paio di settimane fa che il prossimo film del creatore di Baby Driver – dopo il suo documentario sul batterista Sparks, sarebbe stato un "thriller horror". Niente altro si sapeva a riguardo, ma va bene perché " l'inedito thriller dell'orrore di Edgar Wright "è una notizia sufficiente.

Bene, ora, come per The Hollywood Reporter , abbiamo qualche informazione in più. Non molto – solo un titolo e una stella. Quest'ultimo è il primo: è Anya Taylor-Joy, ora sugli schermi di Glass , in cui l'attrice argentino-britannica riprende il suo ruolo da Spalato come la gentile liceale che sa come parlare con l'Orda di James McAvoy senza farsi uccidere. Taylor-Joy ha sfondato nel film The Witch del 2015, e si è unito al cattivo indie dello scorso anno Thoroughbreds , lo spin-off X-Men a lungo ritardato The New Mutants , e al dramma Barry , in cui interpreta una delle fidanzate di un collega di Barack Obama .

E sì, il titolo: It's Last Night a Soho , che implica che sarà ambientato nel quartiere di Londra, non a Manhattan, badate bene, perché non è mai stato capitalizzato in quel modo.

E questo è tutto! Si svolge per una notte? O si svolge il giorno dopo una notte a Soho e si svolge come una sbornia da orrore? La Taylor-Joy nata a Miami, in Argentina e in Inghilterra, farà il suo accento inglese o il suo più spesso impiegato nel cinema americano? Nessuno tranne Wright, presumibilmente Taylor-Joy, e presumibilmente anche certe grandi parrucche da studio sanno tutto! Ma tu sei in buone mani con Wright. Dopotutto, anche il film Marvel che ha lasciato è risultato piuttosto buono.

(Via THR )

( Fonte )

Commenta su Facebook
Precedente Tori Spelling conferma che un altro riavvio "90210" è in corso Successivo 2019 L'anno del falso suicidio spaventa per marche su Twitter

Rispondi