Olivia Munn ha scoperto di aver lavorato con un condannato per reati sessuali e di farsi tagliare la scena

Olivia Munn è protagonista nel quarto film di Predator, un sequel che uscirà la prossima settimana. Il LA Times ha riferito ieri che Munn ha appreso solo un mese fa che aveva lavorato al film con un condannato per reati sessuali, un uomo di nome Steve Striegel, che era amico del regista Shane Black. Il nero pensava di dare il suo buon amico […]

Precedente La "Roma" di Alfonso Cuarón vi immergerà tanto quanto la "gravità" Successivo Perché le suore malvagie hanno tormentato il pubblico per 800 anni