Post Malone è il cliente numero uno dei Postmates dopo aver speso oltre $ 40.000 sulle consegne quest’anno

App di consegna del cibo Postmates ha chiamato Post Malone il numero uno dei clienti quest'anno, dopo il

Getty Image

Il rapper Beerbong & Bentley ha speso più di $ 40.000 per consegne di cibo utilizzando l'app nel 2018.

In un nuovo post pubblicato sul blog Media per la sua serie settimanale "The Receipt", la società ha condiviso i ristoranti e le voci di menu preferiti di Post da 52 città che ha colpito durante la tournée nella promozione del suo album di vendita di platino e lo ha chiamato " Postmates Malone, "che è così accattivante, probabilmente dovrebbe farne il titolo di una canzone nel suo prossimo progetto.

A quanto pare, i posti preferiti di Post Malone per ordinare includono Pink Dot a Hollywood, Chik-Fil-A (naturalmente), Ralphs, Burger King, Popeyes Louisiana Kitchen, KFC, Petco (!?), Panda Express, GameStop e CVS, in ordina dall'alto. Ama i gamberi popcorn di Popeyes in particolare, ordina un quarto di dollaro alla volta insieme a cinque offerte di pollo e sei biscotti. Il suo ordine preferito di Ralphs include la melatonina di ausilio al sonno, che contraddice davvero i tatuaggi "No Sleep" sulle palpebre e il pane all'aglio.

Ha persino richieste di ordini speciali salvate, chiedendo a Raising Cane di "aprire un po 'le scatole in modo che non diventi fradicio" quando ordina le dita di pollo. È noto per distribuire copie di brani inediti su CD come suggerimento. Probabilmente erano un po 'più ricettivi di quelli del negozio di dischi che ha visitato di recente cercando di regalare una macchina. Con buona speranza, considera l'assunzione di un nutrizionista; per qualcuno che ha avuto così tanti problemi con l'infortunio ultimamente, penseresti che vorrebbe mantenere la sua salute.

( Fonte )

Commenta su Facebook
Precedente Leonardo Di Caprio e Martin Scorsese si stanno riprogettando per un film mortalmente nuovo Successivo Megyn Kelly terminerà il suo "oggi" Show Hour seguendo i suoi commenti su Blackface

Rispondi