Qui ci sono tutti i politici che corrono in gare significative il martedì che non credono nei cambiamenti climatici

UPROXX

Domani, 6 novembre, milioni di americani voteranno in centinaia di gare fortemente contestate a livello statale e federale. Questo viene definito "l' elezione più importante della nostra vita" da parte di Washington Post , The Week e altro. Mentre questa designazione è dovuta, in gran parte, a questioni come l'economia , l'assistenza sanitaria e "il trattamento delle minoranze etniche e razziali", il problema è che il cambiamento climatico è probabilmente la questione più importante che verrà votata in futuro midterms.

Non solo siamo sull'orlo di un coltello, secondo gli scienziati del clima, con solo un decennio per tenere sotto controllo i cambiamenti climatici, ma attualmente disponiamo di un'amministrazione presidenziale che riceve regolarmente le F sulle loro pagelle ambientali .

Le buone notizie? I giovani elettori non sono giù con questo rumore anti-ambientale. Secondo uno studio presentato alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2016, per il 40% dei giovani elettori, il cambiamento climatico è la questione più importante . Inoltre, l'83% delle persone coinvolte nell'indagine di Gen Z-ers intervistate ritiene che i loro governi debbano ascoltare i giovani sui cambiamenti climatici e l'80% crede che i politici non abbiano fatto abbastanza per affrontare la questione.

Le elezioni di domani saranno incredibilmente interessanti. "Le azioni climatiche più importanti " avvengono a livello statale secondo Vox. Inoltre, per Axios, molti scontri sul clima stanno avvenendo attraverso le iniziative di ballottaggio a livello statale e la politica climatica del Congresso. Significa che le elezioni di medio termine potrebbero essere la chiave per cambiare il nostro approccio all'ambiente.

Credendo che il modo più efficace per fare la differenza sia con il voto , abbiamo messo insieme una guida per tutti i politici in vista delle elezioni di domani che non credono nei cambiamenti climatici o altrimenti hanno opinioni politiche dannose per l'ambiente. Non è un segreto che l'affluenza alle urne dei giovani possa fare un'enorme differenza nel risultato delle gare di domani. A ciò diciamo: Get. Su. Là.

Razze del Senato

Ted Cruz, in Texas

Cruz è stata eletta per la prima volta al Senato nel 2012; sta correndo contro il rappresentante della Camera, Beto O'Rourke.

Cruz è un nome familiare, grazie in gran parte alla sua fallita campagna 2015-2016 per il biglietto presidenziale GOP. Ma dovrebbe anche essere famoso per le sue politiche anti-ambientali. Ha ottenuto un punteggio del 3% (su 100) dalla League of Conservation Voters, e durante la sua campagna principale nel 2015, ha detto che "le prove scientifiche non supportano il riscaldamento globale".

In seguito ha chiarito che crede che i tentativi di regolare il cambiamento climatico attraverso le tasse sul carbonio e altri mezzi siano effettivamente una cospirazione liberale per mantenere "il potere del governo sull'economia, il settore energetico e ogni aspetto della nostra vita".

Rick Scott, in Florida

Scott è l'attuale governatore della Florida; sta correndo per il Senato contro il senatore in carica Bill Nelson.

L'attuale governatore dello stato del sole ha vietato ai funzionari del Dipartimento della Protezione Ambientale della Florida di utilizzare i termini "riscaldamento globale", "cambiamento climatico" e "sostenibilità". Inoltre, è stato un convinto sostenitore della decisione di Trump di ritirarsi da Parigi Accordo sul clima nel 2017 e ha sostenuto coerentemente la legislazione che lascerebbe la Florida, già uno degli stati più vulnerabili a causa del peggioramento dei cambiamenti climatici, aperto a risultati ancora più disastrosi.

Dean Heller, Nevada

Heller è stato nominato Senato nel 2011 e poi eletto a tempo pieno nel 2012; sta correndo contro il rappresentante della Camera, Jacky Rosen.

Non molto tempo fa, Heller ha detto: "C'è sempre stato [il cambiamento climatico], ci sarà sempre", ma l'impatto degli esseri umani, ha detto, è "in discussione".

Mentre la sua corsa strettissima e serrata con il democratico Rosen ha visto Heller cambiare leggermente il suo tono sui cambiamenti climatici causati dall'uomo, il suo disco elettorale dice tutto quello che devi sapere. Ha votato contro le protezioni per delicati ecosistemi, protezioni per l'acqua, programmi di riciclaggio e altro ancora, e vota in modo coerente contro le bollette della regolamentazione dei gas a effetto serra .

Cindy Hyde-Smith, Mississippi

Hyde-Smith era inizialmente un democratico ma ha cambiato partito nel 2010. È stata nominata al Senato nel 2018; sta correndo contro Chris McDaniel, un altro repubblicano, e Mike Espy, un democratico, in questa speciale elezione.

Hyde-Smith è in Senato da circa sei mesi, ma è stata in politica da quasi due decenni. Inoltre, lei è un allevatore di bestiame e l'ex commissario di stato dell'agricoltura e del commercio, quindi conosciamo una buona parte delle sue convinzioni. Ad esempio, ha sostenuto i rollback dell'amministrazione Trump delle politiche sui cambiamenti climatici dell'era di Obama, inclusa una politica del 2015 che richiedeva alle compagnie energetiche di ridurre le emissioni di carbonio .

Martha McSally, Arizona

McSally è attualmente un rappresentante della Camera per il secondo distretto dell'Arizona; sta correndo contro il Democratic House Rep. Krysten Synema.

McSally è uno dei tanti repubblicani che affermano di credere nei cambiamenti climatici causati dall'uomo, ma che votano in un modo che aggraverà i problemi ambientali. In un colloquio con l'AZ Central , McSally ha dichiarato: "Il nostro ambiente e il clima della Terra stanno cambiando ed è probabile che vi sia un elemento umano". Ma ha rapidamente seguito incolpando "regolamenti schiaccianti" per una miriade di problemi in Arizona e negli Stati Uniti. in generale. Ha votato contro le protezioni contro l'inquinamento del metano, le protezioni aeree pulite, i finanziamenti EPA e ha votato per sbarazzarsi dei limiti a livello nazionale sulle emissioni di carbonio .

Camera dei rappresentanti

A causa di quante gare di Casa si svolgono quest'anno, stiamo evidenziando le gare "prioritarie". Se il tuo distretto non si trova in questa lista, visita la Guida degli elettori di Vote Climate US PAC e inserisci il nome del tuo rappresentante o il tuo codice postale.

Diane Harkey, CA-49

Harkey sta correndo per il posto lasciato vacante di Rep. Darrell Issa; sta correndo contro Mike Levin.

Harkey è attualmente membro dell'assemblea statale della California. Il politico conservatore sta guidando l'accusa di abrogare una tassa sul gas statale, affermando: "Ti costringerà a prendere le bici, salire sui treni, scendere dal deposito e cercare di mettersi al lavoro". Le tasse sul gas, sebbene controverse, sono necessarie per manutenzione stradale e riduzione delle emissioni di anidride carbonica . Harkey esiste in uno spazio liminale interessante in cui non nega l'esistenza di cambiamenti climatici causati dall'uomo, ma non è disposta a fare nulla.

Ha detto al San Diego Union-Tribune , "[S], sono sicuro che sta accadendo [il cambiamento climatico]. Fino a che punto lo regoliamo e quanto controllo abbiamo davvero su di esso è dove mi interrogo. "Il suo record di voti mostra: lei metterà i boom economici temporali in vista delle politiche climatiche a lungo termine.

Mark Harris, NC-09

Harris è un ex pastore battista che è stato candidato sia alla Camera che al Senato in diverse campagne fallite; sta correndo contro Dan McCready, un veterano militare e collega nuovo arrivato politico che possiede un fondo per l'energia solare.

Harris ha provato e provato di nuovo ad entrare in politica, ed è così che sappiamo così tanto di questo neofita. Nel 2014, quando gli è stato chiesto se credeva nei cambiamenti climatici, ha risposto di no . Non crede che il governo federale – di cui vorrebbe far parte – dovrebbe fare qualcosa di legato al cambiamento climatico. Inoltre, vorrebbe tagliare severamente o abolire completamente il Dipartimento dell'Energia .

Jason Lewis, MN-02

Lewis è stato eletto per rappresentare il 2 ° distretto del Minnesota nel 2016; sta correndo contro la nuova arrivata Angie Craig.

Direttamente dalla bocca del cavallo: Lewis non crede ai cambiamenti climatici. Ci credeva molto prima che venisse eletto alla Camera dei rappresentanti e ne parlava spesso come commentatore politico professionista. La sua scorecard ambientale, con uno sbalorditivo zero percento , riflette che: vota contro ogni misura che avrebbe combattuto il cambiamento climatico e altri danni ambientali.

Gubernatorial Races

Steve Pearce, New Mexico

Pearce è attualmente il rappresentante della Camera per il 2 ° distretto del New Mexico; sta correndo contro l'agente della Camera Michelle Lynn Lujan Grisham.

In qualità di rappresentante eletto nel Nuovo Messico, non ci sono limiti per sostenere alcune iniziative ambientali, motivo per cui Pearce ha discusso a lungo dell'acqua pulita e dell'energia pulita. È stato un sostenitore di iniziative per l'acqua pulita almeno dal 1997. Detto questo, molte delle acque inquinate a cui Pearce fa riferimento sono state sporcate dalle operazioni minerarie e Pearce ha stretti legami con le compagnie petrolifere e del gas, molte delle quali hanno fatto il inquinante. Nonostante affermi di credere in equilibrio quando si tratta di normative ambientali e di sostenere petrolio e gas (che è una grande industria nello stato), il suo record di voto mostra che raramente, se non mai, voti per regolamenti ambientali che aiuterebbero a ripulire il suo stato.

Pearce afferma costantemente che il popolo americano non dovrebbe essere "caricato" con l'onere di assumere i cambiamenti climatici (attraverso i regolamenti) e di fatto ha rilasciato una dichiarazione che elogia Trump per il ritiro dall'accordo di Parigi.

Shawn Moody, Maine

Moody è un imprenditore che è diventato governatore indipendente nel 2010; sta correndo contro l'attuale Procuratore Generale del Maine, Janet Mills.

Autoproclamatosi "conservatore del senso comune per tutta la vita", non c'è niente di buonsenso nel negare il cambiamento climatico di Moody. Alla domanda se gli esseri umani stanno contribuendo o meno al cambiamento climatico , ha risposto "no". Più recentemente, ha riaffermato la sua convinzione, affermando che il clima sta cambiando da tempo immemorabile, senza l'aiuto degli umani . Inoltre, non crede nella regolamentazione o nell'intervento governativo di alcun tipo. Ciò dovrebbe preoccupare in particolare Mainers, il cui settore della pesca ha attualmente un valore di 740 milioni di dollari ed è ampiamente (e negativamente) colpito dai cambiamenti climatici .

Adam Laxalt, Nevada

Laxalt è il procuratore generale del Nevada; sta correndo contro il presidente della commissione della contea di Clark, Steve Sisolak.

Laxalt è tinto nella lana repubblicana di Reagan; le sue opinioni ambientali lo riflettono. Nel 2016, ha presentato una dichiarazione contro il Clean Power Plan , che ridurrebbe le emissioni di carbonio delle compagnie energetiche del 32% entro il 2030. Ha inoltre dichiarato di non credere a "una diffusione federale" o regolamenti che danneggiano l'economia.

La ciliegina sulla torta? Laxalt ha sostenuto con entusiasmo l'ex capo EPA Scott Pruitt , che nel suo periodo di 4 1/2 mesi all'EPA , ha sostenuto il ritiro di Trump dall'Accordo sul clima di Parigi, ha respinto numerose normative ambientali, ha sostenuto un budget EPA più piccolo e ha persino ritardato un regolamento pensato per evitare perdite di metano.

Ron DeSantis, in Florida

DeSantis prestò servizio nella Camera dei rappresentanti fino a settembre 2018; sta correndo contro il sindaco di Tallahassee, Andrew Gillum.

DeSantis dice che non vuole essere conosciuto come un " allarmista " quando si tratta di cambiamenti climatici causati dall'uomo. Inoltre, afferma che il cambiamento climatico è " più una questione nazionale e internazionale " nonostante il fatto che le acque di riscaldamento dovute ai cambiamenti climatici abbiano creato degli uragani che hanno danneggiato gravemente vaste aree della Florida nel recente passato. La sua scorecard ambientale suscita la sua paura di essere "allarmista": il suo punteggio ambientale a vita è del 2%. Voti recenti: sì al taglio dei finanziamenti EPA, no alle protezioni faunistiche, sì ai tagli massicci alla spesa energetica pulita. Ha lanciato una piattaforma ambientale che chiedeva finanziamenti per $ 200 milioni per un progetto di restauro di Everglades, ed è contrario al fracking nel suo stato, ma vota con le deregolamentazioni ambientali di Trump, che alla fine sono molto più dannose, sia in Florida che negli Stati Uniti.

Brian Kemp, Georgia

Kemp è il Segretario di Stato della Georgia; sta correndo contro l'ex Reparto della Georgia, Stacey Abrams.

Kemp sostiene di sostenere "gli sforzi basati sui fatti" per combattere i cambiamenti climatici – una posizione politica essenziale per lo stato, che ha oltre 100 miglia di costa. Ma è su dove si fermano le sue politiche rispettose dell'ambiente. Kemp dice di essere scettico nei tentativi in ​​tutto lo stato di regolare i cambiamenti climatici, affermando che non crede che "la burocrazia in tutto il mondo sia la risposta". Si oppone a qualsiasi nuova normativa statale , come aggiornare i codici di costruzione per riflettere i problemi causati dai cambiamenti climatici.

( Fonte )

Commenta su Facebook
Precedente Adidas Originals e Pharrell's SOLAR Hu Autunno / Inverno Capsule è quasi qui Successivo Elizabeth Hurley Back con altre foto busty, Lindsay Lohan sembra ora e molto altro

Rispondi