Ryan Reynolds e Hugh Jackman hanno fatto scherzi a Twitter

Cose che mi piacciono

Twitter è pessimo con le faide reali, ogni minuto di ogni giorno di ogni anno. Quindi è appropriato solo che un antidoto alla rabbia prolungata del mondo sia la buona vecchia faida falsa. Abbiamo sempre Matt Damon e Jimmy Kimmel di lunga data . E ora abbiamo Ryan Reynolds e Hugh Jackman che fanno il finto duello sul campo di battaglia che è social media.

BuzzFeed ha descritto il falso recente-tiff , che ha una certa storia. I due attori – anch'essi amici del cinema a fumetti, entrambi dell'ala Sony del versetto Marvel – sono molto amici pubblici, anche se già da una settimana e mezzo fa Jackman lo stava deridendo:

Ma questa settimana Reynolds ha deciso di scherzare: portalo al livello successivo. Il nuovo film di Jackman , The Front Runner – in cui interpreta lo scandaloso candidato presidenziale del 1988 Gary Hart – uscirà il 21 novembre. Per festeggiare, Reynolds ha pensato che sarebbe stata una buona idea fare un annuncio falso-politico che finto-attaccato come sebbene fosse un vero candidato:

Per prima cosa, Hugh Jackman ci ha ingannato, le accuse di Reynolds, perché lui non usa regolarmente il suo secondo nome, che è Michael. L'annuncio afferma anche che viene da Milwaukee, non dall'Australia, che in realtà non è vero. Gli inganni di Jackman sono tali che Reynolds dice che tutti dovrebbero invece appoggiarlo per la posizione politica per la quale nessuno di loro è in corsa.

Le false accuse erano sufficienti per attirare l'attenzione di Jackman. Ha risposto con un video di lui che in realtà raccoglieva una vera cacca di cane da una vera foto di Reynolds.

Aggiorneremo questa storia se ci saranno ulteriori sviluppi da Reynolds o da Jackman. Ma per quanto riguarda le finte faide, questo non è male.

(Via BuzzFeed )

( Fonte )

Commenta su Facebook
Precedente The Brady Bunch "Kids" Reunited per dare il via a 'A Very Brady Renovation' di HGTV Successivo I newyorkesi sono un po 'fuori di testa per il misterioso anatra mandarino a Central Park

Rispondi