Stan Lee ha quasi fatto un film sui mostri con il leggendario cineasta francese Alain Resnais

Volpe

La gente ha condiviso cose incredibili sul compianto Stan Lee da quando è stato riferito che la sua scomparsa è avvenuta lunedì , dalle immagini accanto al dio dei fumetti alle colonne dissotterrate che ha scritto negli anni '60 denunciando il razzismo . Una delle curiosità più arcane della vita della Marvel Comics è stata questa: è diventato un grande amico del leggendario regista francese Alain Resnais, ed i due sono arrivati ​​terribilmente vicini a fare un film di fantascienza insieme.

Una lettera scritta da Lee a Resnais è stata dissotterrata oggi dall'account Twitter Letters of Note . Una rapida ricerca su Google porta a un breve documentario pubblicato all'inizio di quest'anno, in cui i cinefili della Criterion Collection si sono seduti con il co-creatore di Spider-Man, Black Panther, l'Incredible Hulk e molti altri. In esso, Lee parla caldamente dell'amicizia tra un uomo che è stato amato dai fumetti nerd e un uomo che è stato amato dai patiti del cinema. (Puoi guardare il video sul loro sito .)

Lee ricorda che, nel corso della giornata, la Marvel ha ricevuto molte lettere di fan, a volte di autori europei, tra cui non meno di Federico Fellini – un grande ammiratore di fumetti e, naturalmente, la logica da sogno loopy, che Lee e le sue coorti regolarmente consegnate.

Un altro era Alain Resnais. Se sei un sostenitore del quasi scomparso FilmStruck , probabilmente conosci il lavoro del defunto auteur, che è passato nel 2014. Se non lo fai, è uno degli innovatori più creativi del cinema, meglio conosciuto per girare la testa, formalmente classici giocosi come Hiroshima del 1959 , Mon Amour e lo scorso anno del 1961 a Marienbad . (Blur ha reso omaggio a quest'ultimo nel suo video per Parklife -era "To the End." )

I due hanno stretto un'amicizia con un amico di penna che si è trasformata anche in uno in-real-life. Il regista andrebbe addirittura a sbattere contro la guest house di Long Island a Lee quando visitava quella parte dell'America.

Hanno persino quasi collaborato. Lee ha detto che Resnais gli ha chiesto di scrivere una sceneggiatura – un massacro ambientalista sull'inquinamento di tutta la città di New York che si sta condensando e trasformandosi in un personaggio distruttivo. Doveva chiamarsi The Monster Maker, che sarebbe stato girato nella minuscola e rara isola di New York. Lee ha scritto la sceneggiatura – la sua prima di sempre – ma, ahimè, non doveva essere, grazie soprattutto al rapporto combattivo di Resnais con i produttori.

Lee ha anche detto che Resnais ha parlato di creare il suo film su Spider-Man – uno che sicuramente non sarebbe stato nulla di simile a un tipico outfit MCU. Resnais voleva farlo entrare in uno dei suoi film d'arte, che tendeva ad essere giocoso, a volte addirittura sciocco. "Mi sarebbe piaciuto averlo visto", Lee ha cerato solo un anno e mezzo fa.

Se questo fa sì che i fan di Doctor Strange guardino il film drammatico di viaggio del 1967 di Resnais Je t'aime, je t'aime – l'Eterna Luce della Mente senza macchia del suo tempo – allora il mondo sarà molto più ricco.

( Fonte )

Commenta su Facebook
Precedente La potente colonna del 1968 contro Bigotry di Stan Lee è riemersa in seguito alla sua morte Successivo Idris Elba ha aperto un bar a tema tropicale a Londra, dove sta andando a fare il DJ

Rispondi