‘The Favorite’ è il pezzo perfetto di un periodo per un mondo Beset By Failchildren

Fox Searchlight

Il regista di The Lobster Yorgos Lanthimos e gli scrittori Deborah Davis e Tony McNamara sono i The Favorite , finalmente un film su re e regine e donne regali che non venerano la monarchia. Sembra il pezzo d'epoca che ho sempre desiderato.

La prolifica attrice televisiva britannica Olivia Colman interpreta Queen Anne, la governante addomesticata dalla gotta della prima metà del XVIII secolo, la Gran Bretagna che è così presa dai suoi 17 conigli (uno per ogni bambino che ha rinato nato morto o morto nell'infanzia) che non riesce a ricordare se c'è una guerra. Rachel Weisz interpreta Lady Marlborough, la "favorita" della regina e il vero operatore politico a corte. Come si diventa uno dei preferiti della regina? Soprattutto per il piacere di lei nella camera da letto (che potrebbe significare solo strofinando le sue gambe gottose o la stimolazione genitale reale) e umorando il suo ultimo capriccio strano, come rimpinzarsi di formaggi pregiati o correre anatre fantasiose.

Come la professoressa della Columbia Julie Crawford ha spiegato a The Cut , "Non c'era una separazione radicale tra ciò che riconosciamo come intimità sessuale e gli altri tipi di intimità fisica con cui la gente viveva in quel periodo, in particolare per le élite, che avevano donne che letteralmente li spogliati e lavato le loro vagine. "

In questo mix arriva Abigail, interpretata da Emma Stone, una nobildonna caduta e cugina di Lady Marlborough che è venuta in tribunale per trovare un lavoro e forse riscattare il suo cognome. Durante il viaggio, condivide un giro in carrozza con un soldato che la fissa mentre si tira sotto i pantaloni (il miglior credito IMDB dell'anno ), e quando lei va per uscire cade faccia a faccia nel fango cercando di evitare il suo brancolare. "Questo fango puzza", dice a un servo a corte. Al che lui risponde di fatto: "Cagano per le strade qui".

Questo è in un certo senso, in poche parole, The Favorite , brutalmente accurato al nocciolo della vita nei primi anni del XVIII secolo, con un dialogo abbastanza moderno da essere abbastanza comprensivo da essere coerente e divertente.

È difficile comunicare quanto sia rinfrescante. Per molto tempo l'unico personaggio femminile forte che gli sceneggiatori di Hollywood potessero pensare di scrivere erano le vere regine. E così il fattore saliente per la maggior parte dei pezzi del periodo in fondo fino ad oggi era una famosa attrice che agiva perversamente imperiosa. L'obiettivo era apparentemente che il pubblico gridasse "yaaas queen!" Ad una vera regina, che è praticamente il più neoliberista di sempre. I monarchi erano "potenti", certo, ed Elizabeth I in particolare merita certamente credito per essere sia un pioniere che un operatore esperto, ma quasi per definizione i reali europei consistevano principalmente dei falliti figli dei ricchi.

The Favorite è il pezzo d'epoca perfetto per un mondo assediato dai figli dei falliti. Considera: gli ultimi due incaricati della Corte Suprema (nominati per la vita!) Provenivano dalla stessa scuola prep di tony, e l'attuale Segretario della Pubblica Istruzione è l'erede di una fortuna di ricambi auto che sposò l'erede di una truffa di marketing multilivello. I fallimentari sono dappertutto, ancora con un'influenza eccessiva sulla nostra vita quotidiana.

Quando Abigail viene per la prima volta in tribunale viene lanciata con l'aiuto – gli elicotteri per le erbe, i lavapavimenti e i detergenti per la pentola della camera reale, la gente che deve pulire la merda e procurarsi le aragoste. Dorme testa a testa in una stanza minuscola con altre 20 persone. In contrasto con la vita claustrofobica dei poveri, Lanthimos spara le azioni della regina e di Lady Malborough – che include frequenti giostre verbali con brividi oltraggiosi in vernice bianca con enormi talpe attillate, come Harley, leader dei Whigs, interpretato da Nicholas Hoult – in un obiettivo grandangolare a occhio di pesce che all'inizio disturba un po '. Ma lo scopo di Lanthimos è chiaro: la vita dei ricchi era piena di spifferi e antisettica, con nobili sfacciati che mangiavano pasticcini schizzinosi in stanze cavernose mentre faceva politica per la gente comune molto, molto lontano, le cui vite quasi certamente non avevano il immaginazione per capire.

Lanthimos tratta questa aristocrazia con l'assurdità che merita, in tutta la sua gloria con le macrofotografie, con le maniche maculate, con i polpastrelli e le anatre. Questa è l'era barocca, di parrucche stravaganti e tutto dorato, che sottolinea la decadente sciocchezza dell'intera classe dominante. È anche stupefacente da guardare, in cui essenzialmente ogni abito, specialmente quello maschile, è il suo gag di Alice In Wonderland . Le maniche! Sono tutti proporzionati come la macro sciarpa di Lenny Kravitz . "L'anatra deve essere qui?" Marlborough esasperato chiede al capo dei Tories e proprietario di "l'anatra più veloce della città".

Davis e McNamara giocano un po 'alla volta (storicamente) con il dialogo, ma solo per il chiaro scopo di trasmettere correttamente la vera ridicolosità dell'epoca. E sono contento di averlo fatto, con volgarità creative come Harley che descrive un amico come "piuttosto cuntstruck" e Abigail che racconta di essere stato venduto a "un tedesco a forma di pallone con un cazzo sottile".

Ritrarre la regina come patetica e fuori controllo piuttosto che calcolare e regnare per una volta (e la performance di Olivia Colman è magnifica) non solo sembra più accurata per un sistema di regole per ascendenza, ma consente anche molti ruoli femminili più interessanti. Weisz ed Emma Stone che lanciano dialoghi diamantati mentre cercano di aggirarsi l'un l'altro per l'affetto di Colman è una sinfonia. "Mi piace quando mette la sua lingua dentro di me!" Scatta Colman.

In un'epoca di foto d'epoca ( Mary Queen Of Scots, Outlaw King , ecc.) Che generalmente vanno dal deludente al deludente, The Favorite è davvero eccezionale. Infine, un film che tratta i singoli aristocratici come umani in carne e ossa e la classe aristocratica con la giusta derisione.

Vince Mancini è su Twitter . Puoi trovare il suo archivio di recensioni qui .

( Fonte )

Commenta su Facebook
Precedente "Speriamo che tutti abbiano un buon Natale e buone feste" Successivo La nuova collezione Capsule di Levi infonde i loro classici con lo spirito di un viaggiatore

Rispondi