Wyclef Jean e VH1 Save The Music Foundation hanno donato $ 50K a una scuola superiore di Filadelfia

Toyota / Jeffrey Shibata

Il potere dell'hip-hop e della musica per aiutare a sviluppare giovani menti è ben documentato , e un gruppo di liceali ha ottenuto la dimostrazione pratica finale di questo concetto questa settimana. La leggenda dell'hip-hop Wyclef Jean è entrata a far parte della Toyota e della VH1 Save The Music Foundation per presentare una sovvenzione tecnologica da $ 50.000 alla scuola South Philadelphia mercoledì a tutta la scuola, incluso un workshop musicale e una jam session. La scuola ha anche ricevuto una visita dalla squadra di Dunk di Philadelphia 76ers, che ha esortato la folla all'assemblea prima che venisse introdotta Wyclef.

Wyclef ha anche portato con sé una coppia di artisti con cui ha lavorato, Jazzy Amra e Jeremy Torres, per una breve esibizione prima del workshop. Il workshop ha permesso a Wyclef di insegnare agli studenti come eseguire ritmi utilizzando alcune delle attrezzature che erano state donate come parte della sovvenzione. La donazione dalla Toyota alla Save The Music Foundation fa parte di un programma per insegnare ai bambini la produzione musicale e le capacità di scrittura, non solo come sbocco creativo ma come possibile percorso verso carriere creative nel settore musicale.

Toyota / Jeffrey Shibata

Jean disse agli studenti riuniti: "Alla fine della giornata, mia madre mi ha detto che se rimanessi concentrati e positivi e fai ciò che vuoi, succederà. Non dimenticarlo, non lo facciamo perché è facile, lo facciamo perché è difficile e per mostrargli che possiamo superare da dove siamo venuti. "Il programma Save The Music è orientato a trasformare questo obiettivo in realtà, donando musica strumenti alle scuole e finanziando i loro programmi musicali dal 1997.

( Fonte )

Commenta su Facebook
Precedente James Cameron odia "Aquaman," Sfortunatamente per lui ci sarà un sequel Successivo Il franchising "Pirati dei Caraibi" può essere fatto per il bene, con o senza Johnny Depp

Rispondi